Sostanze Stupefacenti e Comportamenti a Rischio

U.O. Dipendenze Patologiche – SerT

Cosa Facciamo?

Attività di prevenzione, trattamento e cura:
● Dei comportamenti compulsivi che si
esprimono anche senza sostanze d’abuso
(gioco d’azzardo patologico, dipendenze
da internet, shopping compulsivo, ecc.).
I servizi della Unità Operativa sono rivolti a:
● Soggetti con problemi di
dipendenza/abuso e loro familiari.
● Soggetti che desiderano informazioni
sulle dipendenze, sulle sostanze
psicoattive e sulle attività del servizio.
● Soggetti che si occupano dei disagi
derivati dall’abuso di sostanze;

I Destinatari:

Hanno diritto alle prestazioni dell’UO Dipendenze
Patologiche a titolo gratuito:
● Tutti i cittadini residenti nella Provincia di
Rimini.
● Tutti i cittadini non residenti nella provincia
di Rimini, ma in altri comuni italiani, su
autorizzazione della AUSL di
appartenenza
● Tutti i cittadini stranieri non in regola con
le norme di ingresso e di soggiorno muniti
del tesserino STP (stranieri
Temporaneamente Presenti)
limitatamente alle prestazioni urgenti o
comunque essenziali, ancorché
continuative.

La missione dell’ U.O. Dipendenze Patologiche è quella di:

● Garantire la prevenzione, il trattamento e la cura dei disturbi da uso di sostanze d’abuso illegali
nonché dei comportamenti compulsivi che si esprimono anche senza sostanze d’abuso (gioco
d’azzardo patologico, dipendenze da videogiochi, ecc.).
● Tutelare la salute dei soggetti con disturbo da uso di sostanze psicoattive, con particolare
attenzione alla prevenzione delle malattie infettive, alle intossicazioni acute e croniche da sostanze
psicoattive, alla qualità della vita e all’integrazione sociale.
● Assicurare, attraverso il Programma aziendale dipendenze patologiche, il coordinamento con gli
Enti Ausiliari e con gli Enti Locali per l’attuazione degli interventi relativi agli obiettivi del
Programma regionale Dipendenze Patologiche.
● Operare in un’ottica di ottimizzazione dell’uso delle risorse e di efficacia dell’intervento, all’interno
di un sistema di “rete” integrato, tra i vari servizi pubblici – sia della stessa azienda USL – come nel
caso dei servizi di psichiatria, programma aziendale di psicologia, servizio tutela minori, presidi
ospedalieri – sia di altri enti del territorio come gli enti locali, la direzione della casa circondariale di
Rimini, la Prefettura, gli enti terapeutici accreditati territoriali e dell’area vasta Romagna, le
associazioni del privato sociale, curando il mantenimento di rapporti di effettiva collaborazione e
partnership.
● Garantire, nel rispetto dei principi di efficacia, efficienza ed equità, la gestione globale del caso
clinico attraverso la definizione e l’applicazione di linee guida, il coordinamento e l’integrazione tra
le diverse fasi assistenziali e i diversi professionisti, curando in particolare l’integrazione degli
interventi sociali con quelli sanitari.
● Seguire l’evoluzione della situazione del soggetto nelle fasi di osservazione e diagnosi, favorire la
cura e l’ inserimento sociale definendo programmi terapeutici efficaci e personalizzati, in relazione
alla situazione e alle esigenze del soggetto.
● Assicurare l’aggiornamento e la formazione continua degli operatori.
● Assicurare lo sviluppo della ricerca e dell’innovazione delle attività/servizi per adeguarle alle nuove
sfide relative alle dipendenze, caratterizzate da una continua evoluzione dei profili di consumo di
sostanze psicoattive e del contesto sociale.
● Sostenere lo sviluppo della comunicazione con i cittadini per favorire una cultura sulle
problematiche connesse con le dipendenze e promuovere stili di vita liberi dal consumo di
sostanze.

Progetto Circolando Unità di strada e Prevenzione Nei Luoghi di Divertimento

RIDUZIONE DEL DANNO
INFORMAZIONE
PREVENZIONE
ASCOLTO

E’ un progetto di prossimità del Servizio Dipendenze Patologiche dell’AUSL di Rimini, volto alla prevenzione e sensibilizzazione sui rischi legati all’uso di alcol e droghe. Si inserisce nella Programmazione Annuale Locale dei Piani socio-sanitari di zona ed è operativo dal 2005.

Dal 2009 a settembre 2013 la gestione del Progetto è stata delegata ad un raggruppamento di cooperative (Cento Fiori, Il Millepiedi, Formula Servizi, Mappamondo) guidato dalla Cooperativa Sociale Cento Fiori, mentre da ottobre 2013 la Cooperativa Cento Fiori ha assunto da sola la gestione di Circolando.

Le aree di intervento delle Unità di Strada di Circolando sono tre:

1. luoghi di aggregazione e del divertimento giovanile, in particolare notturno (discoteche, eventi, feste, locali), attraverso un info-point sui temi del consumo di sostanze e dei rischi correlati, attività di counseling e di orientamento, la misurazione del tasso alcolemico con etilometro professionale per verificare l’idoneità alla guida e promuovere la buona pratica del guidatore sobrio. Vengono altresì fornite tutte le informazioni di legge legate al codice della strada, al consumo o spaccio di sostanze stupefacenti;

2. presidi itineranti di riduzione del danno rivolti alla popolazione tossicodipendente e/o in condizioni di marginalità sociale;

3. azioni di supporto nei percorsi di orientamento/invio ai servizi per utenti tossicodipendenti.

L’approccio utilizzato in campo relazionale dagli operatori è improntato all’assenza di atteggiamenti moralistici, colpevolizzanti e/o di stereotipi inerenti le scelte e il comportamento altrui.

Il progetto fa parte della rete regionale delle unità di strada ed è un servizio pubblico e gratuito attivo su tutta la provincia.

Si avvale della preziosa collaborazione dei gestori/organizzatori di eventi (Velvet, Boulevard, Beach Cafè, Prince, Classic Club, Beky Bay, RockIsland, “Calici di Stelle”, Lunada Party, Bucolico Party, Artisti in Piazza, Borgo DiVino, Discoteca Jolly, Festa surfisti, Locali della Piazzetta, Molo Street Parade, Gay Pride, Fuera, Rio Grande, Freske Fraske, Festa in collina, Fuorikolle, Riana Party, Altromondo ed altri), degli Enti Locali, di associazioni, cooperative, centri giovani del territorio riminese.

 

SEGUICI SU FACEBOOK E SU INSTAGRAM

Progetto Circolando
Instagram

 

 

A cura di AUSL della Romagna

 

 

(RN)
Direttore Dott. Edoardo Polidori